0

IL SIGNOR DIAVOLO

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 23/09/2019 - 25/09/2019
21:00

Categorie


Roma, 1952. Il giovane funzionario ministeriale Furio Momenté viene convocato dal suo superiore per una questione delicatissima. In Veneto, un minore ha ucciso un coetaneo convinto di uccidere il diavolo. Per motivi elettorali la questione va trattata in modo da evitare scandali. La madre della vittima è molto potente e, da sostenitrice della causa della maggioranza politica, ha cambiato opinione assumendo una posizione assai critica nei confronti della Chiesa e di chi politicamente la supporta. Il compito di Momenté è quindi quello di evitare un coinvolgimento di esponenti del clero nel procedimento penale in corso. Durante il lungo viaggio in treno, Momenté legge i verbali degli interrogatori condotti dal giudice istruttore, a partire da quello del piccolo assassino, Carlo. La realtà che comincia a dispiegarglisi davanti è complessa e sinistra, ma le cose, una volta che si troverà sul posto, si dimostreranno ben peggiori. Avati ha firmato capolavori horror a tal punto significativi da far nascere più volte il rimpianto che non si sia dedicato più spesso al genere, per quanto belli e importanti siano stati i suoi altri film. Perciò, ogni volta che Avati torna all’horror, l’attesa e le aspettative non possono che essere alte. E quando le aspettative sono alte, le delusioni sono dietro l’angolo. Non è però questo il caso perché con Il signor diavolo Avati azzecca praticamente tutto e crea un altro dei suoi capolavori gotici ricchi di sfumature e di significati evidenti o reconditi.

La capacità tutta avatiana di inventare dettagli di assoluto e originale fascino macabro si evidenzia una volta di più in questo film nel quale i personaggi appaiono spesso molto diversi da quello che sono e l’inerme protagonista, proiettato da lontano in una realtà che non conosce, deve con grande fatica cercare di trovare il bandolo di una matassa che gli si aggroviglia sempre più tra le mani, un po’ come il Lino Capolicchio de La casa dalle finestre che ridono, indimenticato horror di Avati di oltre quarant’anni fa. L’ambientazione rurale in quegli anni ’50 che sembrano appartenere a un non tempo in cui il tempo si è fermato richiama proprio, pur con differenze geografiche e temporali, quel capostipite del gotico padano e riafferma con forza e potenza come l’innocenza del vivere contadino sia un luogo comune per niente vero. Anzi. L’atmosfera che Avati crea è di profonda inquietudine, sempre in bilico tra soprannaturale e superstizione: “Nella cultura contadina” dice uno dei personaggi “il diverso, il deforme vengono associati al demonio”. Senza bisogno di ricorrere a particolari effetti raccapriccianti e mantenendo ferma la propria cifra autoriale inconfondibile che lo rende unico nel panorama anche horror, Avati racconta una storia che avvince, interessa, sorprende e alla fine lascia un salutare senso di disagio.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>